BackBackMenuClosePlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTube

Piattaforma di crowdfunding VS Do It Yourself : cosa scegliere

  • #1

    Il DIY Crowdfunding (Do It Yourself), che significa letteralmente “fai da te”, consiste nel creare una propria campagna personale partendo proprio da zero.

    Pur rimanendo una forma di finanziamento alternativo marginale rispetto al Crowdfunding tradizionale, quello cioè che prevede l'utilizzo di una piattaforma, il DIY Crowdfundig ha registrato una buona crescita nell'ultimo anno. Ma cosa è il DIY Crowdfunding? Quali sono le sue caratteristiche? E perché conviene affidarsi ad una piattaforma?

    Il DIY Crowdfunding si intende è quella forma di ricerca di finanziamenti tramite il web in cui il progettista i crea un proprio sito e lo promuove al pubblico, senza piattaforma.

    Chiariamo subito che il DIY Crowdfunding è sicuramente un metodo più complesso. Occorre, avere delle conoscenze di  SEO e di marketing molto specifiche, per indirizzare e mantenere il traffico sulla pagina della propria campagna. L'aggiornamento delle informazioni per mantenere attenzione e traffico dovrà essere costante e distoglie tempo ed energie per l'effettivo svolgimento della comunicazione per la campagna. Bisogna avere capacità tecniche per sviluppare un sito e soprattutto far fronte ad eventuali problemi e bug, non c'è nulla di peggio che perdere dei contributori perché in quel momento il sito non risulta accessibile.

    I contro del DIY Crowdfunding sembrerebbero dunque legati principalmente a problemi di carattere tecnico. In realtà, andando ad analizzare in modo più approfondito le difficoltà riscontrabili in una "campagna fai da te" sono anche di carattere organizzativo e qualitativo. La poca esposizione mediatica di un sito appena costruito viene accompagnata da una scarsa credibilità da parte del pubblico traducibile in poca fiducia nel progetto. Questo accresce la difficoltà di creare legame con la propria crowd che, su una piattaforma, viene rassicurata da una struttura funzionante e operativa da molto tempo.

    Altro problema da tenere in considerazione è la difficolà di creazione di una landing page capace di attrarre contributori e convertire le loro visite in un vero e proprio contributo.

    Ultima considerazione, ma non per importanza, va effettuata sulla gestione dei sistemi di pagamento. Una piattaforma ha alle spalle una solida struttura e può dotarsi di svariati sistemi di pagamento in modo da facilitare il contributo. Ulule offre la possibilità di poter contribuire ad una campagna con svariati metodi: carte, Paypal, bonifico e, come viene spiegato qui, perfino in contanti!    

     Posted on 24 February 2017 at 11 h 15 (2 months ago)

Reply

 You have to be connected

Login  Register

 Statistics